Festival di Sanremo 2018, dal 6 al 10 febbraio al Teatro Ariston la 68esima edizione

E’ partito il conto alla rovescia per il Festival di Sanremo 2018, che si svolgerà nella prestigiosa cornice del Teatro Ariston da martedì 6 a sabato 10 febbraio. Dal week-end precedente hotel e alberghi a Sanremo per il Festival inizieranno ad accogliere sia i cantanti in gara e gli altri protagonisti della kermesse sia i turisti, che non vorranno perdersi il nutrito calendario di appuntamenti collaterali nei locali e nelle piazze della Città dei Fiori. In aggiunta, le vetrine del centro ospiteranno le postazioni radio, contribuendo così all’atmosfera di festa del cosiddetto carrozzone. Rai Radio 2 sarà l’emittente ufficiale della 68esima edizione e trasmetterà quotidianamente in diretta dal suo truck in piazza Borea d’Olmo. Questo Festival sarà una scommessa, dato lo strepitoso successo del triennio di Carlo Conti. Ha accettato la sfida Claudio Baglioni, nella duplice veste di direttore artistico e capitano dell’evento nazional-popolare per eccellenza. Al suo fianco la bellezza e la bravura incarnate dalla showgirl Michelle Hunziker e il fascino dell’attore Pierfrancesco Favino. Mentre per Favino sarà un nuovo battesimo, per la Hunziker si tratterà della seconda volta, dopo il 2007 con Pippo Baudo, e intende portare in scena l’attenzione per le donne con la sua Fondazione Doppia Difesa. Regia e scenografia saranno rispettivamente di Duccio Forzano, che per la prima volta userà in studio la spidercam dei campi di calcio, e di Emanuela Trixie Zitkowsky, la quale ha ideato un’avveniristica sala da concerto modulabile di colore coraggiosamente bianco. In conferenza stampa Baglioni ha dichiarato di voler fare una manifestazione obbligatoriamente diversa dal passato, d’accordo con la Rai, in cui porre in primo piano la musica e dipingendo le serate con il potere dell’immaginazione. E questo a cominciare dallo spot pubblicitario, dove si vedono il direttore artistico e i conduttori nei panni di simpatici imbianchini. In tal senso si capiscono le novità introdotte da Baglioni: la durata delle canzoni è stata allungata fino a quattro minuti; resterà la competizione con tre differenti giurie (demoscopica, televoto e sala stampa), ma senza le eliminazioni e con i duetti al posto delle cover. I partecipanti si esibiranno divisi in due categorie: Big (venti artisti, nessuno appena uscito da un talent show e tutti con una carriera riconoscibile alle spalle) e Nuove Proposte (otto emergenti). Il vincitore della sezione dei campioni avrà diritto a rappresentare il nostro Paese all’Eurovision Song Contest 2018, che si terrà dall’8 al 12 maggio a Lisbona, per la prima volta in assoluto in Portogallo. Ecco i big, decisi da Baglioni insieme alla Commissione musicale: Roby Facchinetti e Riccardo Fogli con “Il segreto del tempo”, Nina Zilli “Senza appartenere”, The Kolors “Frida”, Diodato e Roy Paci “Adesso”, Mario Biondi “Rivederti”, Luca Barbarossa “Passame er sale”, Lo Stato Sociale “Una vita in vacanza”, Annalisa “Il mondo prima di te”, Giovanni Caccamo “Eterno”, Enzo Avitabile e Peppe Servillo “Il coraggio di ogni giorno”, Ornella Vanoni con Bungaro e Pacifico “Imparare ad amarsi”, Renzo Rubino “Custodire”, Noemi “Non smettere mai di cercarmi”, Ermal Meta e Fabrizio Moro “Non mi avete fatto niente”, Le Vibrazioni “Così sbagliato”, Ron con un inedito di Lucio Dalla “Almeno pensami”, Max Gazzè “La leggenda di Cristalda e il Pizzomunno”, i Decibel “Lettera dal duca”, Red Canzian “Ognuno ha il suo racconto” ed Elio e le Storie Tese “Arrivederci”. Per quanto concerne le Nuove Proposte, il Festival si riconferma un’ottima occasione di visibilità, poiché in un brano non ci sono solo parole e note, ma tanta gavetta, un progetto discografico ed emozioni palpabili. Saliranno per la prima volta sul palco dell’Ariston: Lorenzo Baglioni (ma non è figlio d’arte) con “Il congiuntivo”, Giulia Casieri “Come stai”, Eva “Cosa ti salverà”, Mirkoeilcane “Stiamo tutti bene”, Mudimbi “Il mago” e Ultimo “Il ballo delle incertezze” insieme ai due vincitori di Area Sanremo, scelti dal direttore artistico con la Commissione musicale: Leonardo Monteiro con “Bianca” e Alice Caioli “Specchi rotti”. Area Sanremo è l’unico concorso-accademia a mettere in palio l’accesso al Festival della Canzone Italiana e nel 2017 è stato affidato per il terzo anno consecutivo all’Orchestra Sinfonica di Sanremo, un’istituzione culturale fra le più rilevanti della Città dei Fiori. Infine, non ci saranno i divi Hollywoodiani come superospiti, confidando nel fatto che il Festival ha un riverbero internazionale di suo. Gli spettatori, comunque, potranno ammirare delle grandissime star della musica mondiale, di cui una ha spiccato il volo proprio da Sanremo: Laura Pausini, Liam Gallagher, Thirty Seconds to Mars e Sting. Gli artisti stranieri, in base alla regola del “dittatore” artistico, dovranno rendere omaggio con un brano alla canzone italiana. Sono ancora aperte le trattative dei vertici Rai per molte altre sorprese: forse il tributo a Milva, promosso da Cristiano Malgioglio e ripreso dai social network, e sicuramente delle incursioni comiche, che dovranno però tenere in considerazione la par condicio in periodo preelettorale.

RESIDENCE DEI DUE PORTI Srl - Corso Trento Trieste 21/23 - 18038 Sanremo (IM) Italy - P.IVA 00316580083 - Powered by di-liberto.net